Home » Gli articoli del blog » Vertenza di lavoro- Come pianificare la prevenzione del contenzioso ed evitare le sue conseguenze

Vertenza di lavoro- Come pianificare la prevenzione del contenzioso ed evitare le sue conseguenze

Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.

Prevenire una vertenza di lavoro, le cause contro INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate e quanto altro il mondo dei controlli del sistema di previdenza e lavoro riserva alla posizione datoriale, è certamente un obiettivo che deve guidare l’imprenditore nella gestione di tutti i rapporti compresi quelli di collaborazione e lavoro.

Il contenzioso giudiziale, le sue incertezze e l'eccessiva dilatazione tempistica di tutto quel sistema, deve diventare soltanto uno strumento alternativo da considerare solo in via preventiva quando occorre ovvero l'ultima soluzione quanto non è possibile fare altrimenti.

L'azione giudiziale è, per esempio, inevitabile quando l'INPS notifica un avviso di addebito la cui pretesa è ingiusta. In tal caso per contestare il debito non esistono alte possibilità che la tempestiva opposizione giudiziale entro 20 o 40 giorni che varia a seconda delle ragioni formali o sostanziali che possono essere fatte valere.

Prima fase - Individuazione delle questioni vitali per la sopravvivenza di una azienda

Una volta individuato il settore di attività occorre capire, secondo la normativa vigente, quali sono le criticità fondamentali e la soglia minima dei requisiti formali da assicurare con costanza.

Questi alcuni esempi:

  1. Ristorazione e Alimentari: Requisito: Licenza Sanitaria e Certificato di Igienicità Alimentare Senza queste certificazioni, un'attività nel settore alimentare potrebbe essere soggetta a chiusura da parte delle autorità sanitarie, mettendo a rischio la sua sopravvivenza economica.
  2. Trasporti e Logistica: Requisito: Licenza di Autotrasporto Merci o Passeggeri Senza una licenza valida, un'azienda nel settore dei trasporti potrebbe essere impossibilitata a operare legalmente, rendendo impossibile la consegna delle merci o il trasporto dei passeggeri, con gravi conseguenze finanziarie.
  3. Servizi Sanitari e Assistenziali: Requisito: Accreditamento presso il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Per fornire servizi sanitari e assistenziali remunerati dallo Stato o dalle assicurazioni, è essenziale essere accreditati presso il SSN. Senza questa autorizzazione, l'attività potrebbe perdere clienti e finanziamenti pubblici, mettendo a rischio la sua esistenza.
  4. Finanziario e Assicurativo: Requisito: Autorizzazione della Banca d'Italia o dell'IVASS Nel settore finanziario e assicurativo, l'ottenimento dell'autorizzazione da parte delle autorità di vigilanza è fondamentale per operare legalmente. Senza questa autorizzazione, un'azienda potrebbe essere soggetta a sanzioni e multe e potrebbe non essere in grado di fornire servizi finanziari o assicurativi.
  5. Farmaceutico e Cosmetico: Requisito: Autorizzazione dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Nel settore farmaceutico e cosmetico, l'approvazione e l'autorizzazione da parte dell'AIFA sono indispensabili per la commercializzazione di prodotti. Senza questa autorizzazione, un'azienda potrebbe incorrere in sanzioni legali e perdere credibilità, compromettendo la sua attività economica.
  6. Edilizia: Requisito: Documento Unico di Regolarità Contributiva rilasciato da INPS, INAIL e Cassa Edile. Nel settore Edile il DURC risulta necessario per la validità stessa degli atti autorizzativi delle costruzioni che altrimenti verrebbero sospesi e le agevolazioni contributive revocate.

Questi sono solo alcuni esempi ai quali deve aggiungersi il mantenimento dei canoni di rispetto di altre posizione come ad esempio quelle relative alle autorità indipendenti capaci di immobilizzare l'attività aziendale in modo significativo ovvero di attivare procedure particolarmente penalizzanti.

Seconda fase - Dotarsi di una adeguata certezza di tutela legale

Il panorama dei controlli e delle criticità dell'impresa è, in Italia, particolarmente penalizzato da una inammissibile sovrapposizione di sanzioni e conseguenze di cui in passato ci siamo occupati.

Nell'occasione non abbiamo potuto non evidenziare una disumanizzazione del sistema sanzionatorio ed una costante violazione dei diritti del contribuente.

Mantenere la sicurezza e la stabilità dell'impresa diventa quindi una priorità assoluta. Tuttavia, nonostante le migliori precauzioni e strategie aziendali, possono sorgere situazioni impreviste che richiedono assistenza legale. È qui che entra in gioco la polizza di tutela legale, un importante strumento per proteggere la tua azienda e i suoi amministratori da potenziali dispute legali e controversie.

Necessità per l'Azienda:

  1. Copertura Ampia: Una polizza di tutela legale deve fornire una copertura completa per una vasta gamma di situazioni legali, tra cui controversie contrattuali, reclami dei dipendenti, questioni di responsabilità civile e altro ancora. Deve quindi offrire una sufficiente  protezione  contro potenziali perdite finanziarie e danni alla reputazione.
  2. Costi Contenuti: Affrontare una disputa legale può essere estremamente costoso, con tariffe legali elevate e spese processuali. Una polizza di tutela legale dovrebbe  coprire e spalmare nel tempo la previsione di gran parte di questi costi, riducendo il carico finanziario sull'azienda e consentendo di concentrarsi sulle attività principali senza preoccupazioni finanziarie aggiuntive.
  3. Assistenza: Le polizze di tutela legale spesso offrono accesso a una rete di professionisti legali i cui criteri di scelta possono non essere in linea con le esigenze dell'assicurato. E' da ritenere  opportuno che la polizza lasci all'assicurato i diritto di scelta dei professionisti a cui affidarsi.

Vantaggi di una estensione della polizza agli Amministratori:

  1. Protezione Personale: Gli amministratori possono essere soggetti a responsabilità personale per le decisioni prese nell'esercizio delle loro funzioni. Una polizza di tutela legale fornisce una protezione personale agli amministratori contro potenziali azioni legali, riducendo il rischio di perdite finanziarie personali e danni alla reputazione.
  2. Consulenza Legale Specializzata: Se inserito nella polizza gli amministratori possono accedere a consulenza legale specializzata per affrontare questioni legate alle loro responsabilità e doveri aziendali. Questo può essere particolarmente prezioso in situazioni complesse o controverse, dove una consulenza legale esperta può fare la differenza tra un esito positivo e negativo.
  3. Pace Mentale: Una polizza di tutela legale offre agli amministratori la tranquillità di sapere di essere protetti in caso di controversie legali. Ciò consente loro di svolgere le proprie funzioni con maggiore fiducia e serenità, sapendo che hanno a disposizione risorse legali per affrontare eventuali sfide che possano sorgere.

Investire in una polizza di tutela legale è un passo fondamentale per garantire la protezione e la sicurezza sia dell'azienda che dei suoi amministratori.

E' fondamentale verificare l'ampiezza della sua copertura, i costi e l'accesso alla libertà di accesso alla consulenza legale specializzata.

Terza fase - La prevenzione del contenzioso

Una volta individuate le criticità primarie che devono essere la bussola che guida l'impresa, occorre cominciare a considerare la prevenzione del contenzioso del lavoro e previdenziale.

La prevenzione è realizzabile se ci si attiva per trovare tutte le possibili soluzioni in grado di stimolare partecipazione e collaborazione in tute le persone che gravitano intorno al sistema produttivo, contabile e commerciale di una realtà aziendale.

Questo una costante sincronizzazione delle risorse e condivisione degli obiettivi per i quali abbiamo già illustrato, ad esempio, lo speciale strumento del  “premio di risultato”.

Detto questo si rende necessario rappresentare la filosofia che anima l’attività dello studio e dei suoi partners professionali.

Come muoversi nel panorama operativo.

Gli obiettivi:

Perseguire la Compliance Legale nel lavoro:

Come studio legale, ci impegniamo a promuovere una cultura della prevenzione del contenzioso. Crediamo che la soluzione migliore sia evitare il tribunale quando possibile, adottando pratiche e politiche che riducano il rischio di dispute e controversie.

La Filosofia Preventiva:

Focalizziamo i meccanismi preventivi per evitare il contenzioso in materia di lavoro e contributi. Prevenire problemi legali è preferibile a doverli risolvere in tribunale, poiché comporta meno costi, stress e risorse.

Il Cammino Verso la Compliance:

A di la delle varie iniziative certificative che hanno certamente una valenza strutturale importante, occorre considerare che la missione datoriale non può prescindere dal guidare tutto lo staff operativo in un costante percorso di assistenza nella gestione delle risorse umane e negli adempimenti contributivi avvalendosi di professionisti che abbiano soprattutto esperienza.

Soltanto con una consulenza mirata e una pianificazione oculata si riesce ad operare nel rispetto delle normative riducendo al minimo il rischio di controversie e contenziosi legali.

Analisi dei Rischi e Difese Preventive:

Occorre prima di tutto mettere in atto una valutazione dettagliata dei rischi legali legati al lavoro e ai contributi, identificando potenziali vulnerabilità e adottando misure preventive necessarie per mitigarle. Attraverso contratti chiari, politiche aziendali robuste e formazione continua è quindi possibile evitare controversie e adempiere agli obblighi legali.

Formazione del personale e Consulenza Continua:

Occorre prevedere programmi di formazione personalizzati per i datori di lavoro e i dipendenti su questioni legali rilevanti, come diritti e doveri contrattuali, discriminazione sul lavoro e salute e sicurezza sul posto di lavoro. La conoscenza ed il continuo scambio di informazione sulle dinamiche interne è fondamentale per prevenire dispute e contenziosi e occorre promuovere con costanza una cultura aziendale basata sulla consapevolezza legale e il rispetto delle normative. Mantenere una conoscenza aggiornata è essenziale per prevenire potenziali rischi e adempiere agli obblighi legali in modo efficace ed efficiente.

Prevedere un sistema di Assistenza Legale Tempestiva costituisce una soluzione preventiva del Contenzioso:

Avvalersi di un supporto legale specializzato e con adeguata esperienza nella fase che precede le scelte imprenditoriali aiutando a valutare, di fronte a problemi che si profilano, varie soluzioni alternative al contenzioso è fondamentale.

Fondamentale è anche provvedere alla redazione dei contratti od alle iniziative di qualunque natura (es. appalto e d’opera, la loro revisione ovvero mediazione e conciliazione) per risolvere eventuali dispute in modo rapido ed equo, evitando così lunghi e costosi procedimenti giudiziari.

Occorre in sintesi trovare continuamente soluzioni pragmatiche che tutelino gli interessi e preservino le sane relazioni lavorative ed aziendali.

Come si possono raggiungere questi obiettivi?

Questi obiettivi possono essere raggiunti monitorando costantemente le attività aziendali con:
  1. Audit sui contratti di lavoro esistenti per garantire la conformità normativa.
  2. Revisione delle politiche aziendali in materia di lavoro per assicurare la conformità alle normative vigenti.
  3. Formazione periodica per lo staff delle risorse umane sui diritti dei lavoratori e sui loro doveri contrattuali.
  4. Consulenza sulla corretta classificazione dei dipendenti come lavoratori dipendenti o autonomi.
  5. Analisi congiunta delle posizioni relative ai titolari, ai soci e loro familiari che lavorano in azienda o che ne percepiscono compensi od utilità.
  6. Assistenza nella gestione delle procedure disciplinari e dei licenziamenti per ridurre il rischio di controversie.
  7. Consulenza sull’espletamento delle attività da parte dei soggetti delegati alla organizzazione aziendale in materia di sicurezza sul lavoro e prevenzione degli infortuni.
  8. Affidamento di compiti nell’ambito dell’Organismo di Vigilanza istituito ai sensi della legge 231/01.
  9. Creazione di manuali operativi per gestire efficacemente le risorse umane.
  10. Supporto nella gestione dei periodi di prova dei dipendenti.
  11. Consulenza sull'adeguamento alle normative sulla privacy dei dipendenti.
  12. Assistenza nella gestione delle assenze per malattia e delle ferie.
  13. Creazione di procedure per affrontare le molestie sul posto di lavoro e discriminazioni.
  14. Consulenza sulla corretta gestione dei contratti a termine e delle collaborazioni occasionali.
  15. Supporto nella negoziazione e redazione di accordi collettivi o contratti aziendali.
  16. Consulenza sulla gestione delle prestazioni straordinarie e straordinarie dei dipendenti.
  17. Formazione sulla gestione delle pratiche di lavoro internazionale per aziende con dipendenti all'estero.
  18. Assistenza nella gestione delle situazioni di conflitto tra dipendenti.
  19. Consulenza sulla gestione delle procedure di mobilità e trasferimento dei dipendenti.
  20. Creazione di politiche aziendali per favorire l'inclusione e la diversità sul posto di lavoro.
  21. Supporto nella gestione delle controversie sindacali e nella negoziazione dei contratti collettivi.
  22. Consulenza sulla corretta applicazione delle normative in materia di maternità e paternità.
  23. Assistenza nella gestione delle pratiche relative alla pensione e ai fondi pensione aziendali.
  24. Creazione di programmi di incentivazione e motivazione dei dipendenti.
  25. Formazione sulla gestione dei rischi legati al lavoro, compresi rischi psicosociali e stress lavorativo.
  26. Consulenza sulla gestione dei conflitti di interesse e della concorrenza sleale tra dipendenti.
  27. Assistenza nella gestione dei periodi di crisi aziendale e nella pianificazione del personale.
  28. Formazione sui diritti e doveri del datore di lavoro durante procedure di ristrutturazione aziendale.
  29. Consulenza sulla corretta applicazione delle normative in materia di lavoro minorile e apprendistato.
  30. Supporto nella gestione delle pratiche di licenziamento collettivo e delle relative procedure.
  31. Creazione di un sistema di monitoraggio e aggiornamento continuo delle normative e dei cambiamenti legislativi nel settore del lavoro.
  32. Analisi dei rischi e delle vulnerabilità legali in materia di lavoro e previdenza sociale.
  33. Revisione dei processi di assunzione e selezione del personale per garantire equità e conformità normativa.
  34. Consulenza sulla gestione dei rapporti di lavoro atipici, come il lavoro intermittente o il telelavoro.
  35. Formazione sulla gestione dei conflitti intergenerazionali sul posto di lavoro.
  36. Supporto nella creazione di politiche aziendali per la gestione dell'inclusione dei disabili.
  37. Consulenza sulla gestione dei diritti di maternità e paternità per promuovere l'equilibrio tra lavoro e famiglia.
  38. Assistenza nella valutazione dei rischi psicosociali e nella creazione di politiche per la prevenzione dello stress lavoro-correlato.
  39. Creazione di un sistema di gestione documentale per garantire la corretta conservazione dei documenti del personale.
  40. Consulenza sulla gestione delle pratiche di trattenuta e ritenuta dei salari per adempiere agli obblighi fiscali e previdenziali.
  41. Consulenza sulla corretta applicazione delle normative in materia di retribuzione equa e discriminazione salariale.
  42. Assistenza nella gestione dei processi di conciliazione e mediazione nel caso di controversie tra dipendenti e datori di lavoro.
  43. Creazione di un piano aziendale che sia in grado ridurre il rischio di obsolescenza.
  44. Consulenza sulla gestione delle pratiche relative all'orario di lavoro e alla flessibilità lavorativa.
  45. Formazione sulla gestione di negoziazione dei contratti collettivi.
  46. Consulenza sulla gestione delle pratiche di trasferimento di dipendenti tra sedi aziendali.
  47. Assistenza nella gestione delle pratiche relative alla cessazione del rapporto di lavoro e alla liquidazione dei dipendenti.
  48. Creazione di un sistema di feedback e valutazione delle prestazioni per migliorare la comunicazione e la produttività sul posto di lavoro.

Cerchi assistenza?

Contattaci subito.

ccnl
Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.
Cerchi assistenza?
Le tappe della consulenza:
  1. Incontro conoscitivo gratuito in cui ascolteremo le tue necessità e il tuo caso.
  2. Analisi e 2° incontro: riceverai una precisa consulenza legale sulla base di preventivo, a partire di €900.




    Il tuo messaggio

    Autorizzo trattamento dei dati per finalità di consultazione e corrispondenza come da informativa qui riportata.

    web design fromlu
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram