Home » Gli articoli del blog » Esonero contributivo per l'assunzione giovani 2024

Esonero contributivo per l'assunzione giovani 2024

Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.

Per l'anno 2024 non è stato confermato l'esonero contributivo per l'assunzione di giovani con meno di 36 anni; pertanto il riferimento principale per le assunzioni agevolate dei giovani lavoratori torna ad essere quello precedentemente stabilito in modo strutturale dalla Legge di Bilancio del 2018.

Alcune regole per la fruizione dell'esonero sono quindi differenti rispetto all'anno 2023 (per il quale avevamo già fornito una guida operativa alle principali agevolazioni contributive); alcuni aspetti tuttavia sono rimasti invariati: facciamo chiarezza.

Le fonti

Sotto il profilo normativo, l'agevolazione deriva dalla Legge 205 del 2017, in particolare dall'art.1 comma 100 e seguenti:

"Al fine di promuovere l'occupazione giovanile stabile, ai datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1º gennaio 2018, assumono lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti, di cui al decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 23, e' riconosciuto, per un periodo massimo di trentasei mesi, l'esonero dal versamento del 50 per cento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL)..."

Sotto il profilo operativo invece, le istruzioni provengono dalla circolare INPS n.40 del 2018:

"Al fine di promuovere l’occupazione giovanile stabile, l’articolo 1, commi 100-108 e 113-114, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, ha disciplinato un nuovo esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per le nuove assunzioni, effettuate a decorrere dal 1° gennaio 2018, di lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti. Detta riduzione opera per un periodo massimo di 36 mesi a partire dalla data di assunzione del lavoratore e può essere riconosciuta - per l’eventuale periodo residuo – in capo ad altri datori di lavoro che procedano all’assunzione del medesimo soggetto. Con la presente circolare l’Istituto fornisce le indicazioni e le istruzioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi alla predetta misura di esonero contributivo".

Per il 2024

  1. L'età massima del lavoratore per poter fruire dell'agevolazione dev'essere di 29 anni e 364 giorni, ovvero meno di 30 anni effettivamente compiuti.
  2. La durata è di 36 mesi.
  3. L'assunzione deve essere effettuata a tempo indeterminato: in particolare dev'essere la prima volta che quel giovane viene assunto con un contratto a tempo indeterminato.
  4. L'agevolazione è del 50% dei contributi mensili, fino ad un massimo di 3.000,00 euro.
  5. Non è consentito usufruire dell'agevolazione in caso di contratti di apprendistato, di lavoro intermittente (c.d. "a chiamata") e di lavoro domestico; inoltre l'azienda non deve aver effettuato nella medesima unità operativa, nei sei mesi precedenti, licenziamenti collettivi o per giustificato motivo oggettivo (es. licenziamenti per riduzione di personale o licenziamenti per riorganizzazione aziendale).

Le nostre osservazioni

Le scelte del legislatore nell'anno 2024 in materia di agevolazioni e sostegni per abbattere il costo del lavoro stanno facendo discutere la comunità degli esperti: la decisione di non rinnovare l'esonero contributivo per i giovani con meno di 36 anni infatti si inserisce in un panorama di scelte altrettanto particolari. Da un lato la creazione dell'agevolazione per l'assunzione di donne vittime di violenza (sulle cui modalità abbiamo espresso qui le nostre sincere perplessità), dall'altro la scelta di affidare ad una super deduzione IRES una funzione tecnica più tipicamente e più frequentemente gestita con l'ausilio di agevolazioni contributive.

Vi ricordiamo, come sempre facciamo quando affrontiamo queste tematiche, che le agevolazioni contributive possono risultare strumenti eccellenti per abbattere il costo del personale ma devono essere sfruttate con cautela ed è fondamentale non solo essere certi di possedere tutti i requisiti e avere il DURC regolare, ma anche di lavorare per creare uno storico difendibile in caso di controlli futuri, per evitare il terribile effetto domino in caso di revoca dell'agevolazione.

Vista la complessità della materia in continua evoluzione, vi esortiamo come sempre a fare riferimento solamente a un team di professionisti esperti del settore, che possano guidarvi nella fruizione di questi strumenti utilissimi, ma pericolosamente fragili.

assunzione giovani
Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.
Cerchi assistenza?
Le tappe della consulenza:
  1. Incontro conoscitivo gratuito in cui ascolteremo le tue necessità e il tuo caso.
  2. Analisi e 2° incontro: riceverai una precisa consulenza legale sulla base di preventivo, a partire di €900.




    Il tuo messaggio

    Autorizzo trattamento dei dati per finalità di consultazione e corrispondenza come da informativa qui riportata.

    web design fromlu
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram