Home » Gli articoli del blog » Lavoratori marittimi. Orario di lavoro a bordo.

Lavoratori marittimi. Orario di lavoro a bordo.

Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.

Uno dei problemi più rilevanti in ambito marittimo è l'orario di lavoro e il riposo dei lavoratori.

La questione poco si pone per quanto riguarda le grandi navi sulle quali è possibile effettuare una turnazione mentre per quanto riguarda le piccole entità di navigazione l'avvicendamento delle funzioni dipende dal numero degli addetti a bordo.

La questione non è di poco conto in quanto il prolungamento dell'orario normale di lavoro nelle piccole unità navali potrebbe diventare la normalità e quindi diventare ragione di rivendicazione salariale da parte dei lavoratori marittimi.

Ovviamente la questione richiede sempre che il lavoratore provi la durata delle sue prestazioni attraverso documenti e testimoni.

Mentre per il personale dei servizi di bordo la prova della durata delle prestazioni viene di solito fornita attraverso le testimonianze, per quanto riguarda la figura del comandante basta vedere i registri di bordo ed i percorsi di navigazione per dimostrare che l'orario effettuato ha superato certe tempistiche.

L'orario normale di lavoro sulle navi:

- è di otto ore giornaliere con le seguenti possibili

deroghe:
  • un limite massimo di ore di lavoro pari a 14 su un periodi di 24 ore o alternativamente 72 ore su un arco di 7 giorni (vedasi anche art.lo 11 della legge 271/99).
  • Esiste poi un numero minimo di ore di riposo pari a 10 ore su un periodo di 24 ore e 77 ore su un periodo di 7 giorni.
  • Nel caso in cui il riposo di 10 ore sia diviso in due intervalli, uno deve essere di almeno sei ore consecutive e l'intervallo fra i due periodi consecutivi di riposo non deve essere superiore a 14 ore.
  • Sono possibili deroghe facendo riferimento a specifici riposi compensativi.
Nelle navi mercantili

deve essere presente il c.d. registro delle ore di lavoro ai sensi dell'art.lo 4 del decreto legislativo 108/2005 vidimato dall'autorità marittima, sottoscritto dalle parti e, a cadenza almeno biennale, presentato alla medesima autorità.

In base al successivo articolo 5 l'armatore è tenuto a definire tutte le misure per la corretta organizzazione del lavoro, ma è il comandante a dover adottare tutti i provvedimenti necessari per l'attuazione delle attività in materia di orario di lavoro, riposi e ferie. Per quanto riguarda il diporto di tipo commerciale si può fare riferimento al CCNL del 1 luglio 2015 il quale all'art.lo 7 stabilisce 8 ore di lavoro giornaliero come ordinario con la previsione del diritto, a favore del marittimo, di chiedere un giorno di riposo compensativo in caso di attività domenicale, sabato e festivi.

Ovviamente le previsioni di cui sopra possono essere derogate in caso di emergenza.

Cerchi assistenza?

Contattaci al 3474775915

Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.
Cerchi assistenza?
Le tappe della consulenza:
  1. Incontro conoscitivo gratuito in cui ascolteremo le tue necessità e il tuo caso.
  2. Analisi e 2° incontro: riceverai una precisa consulenza legale sulla base di preventivo, a partire di €900.




    Il tuo messaggio

    Autorizzo trattamento dei dati per finalità di consultazione e corrispondenza come da informativa qui riportata.

    web design fromlu
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram