Home » Gli articoli del blog » Inquadramento del socio come lavoro dipendente o lavoro autonomo?

Inquadramento del socio come lavoro dipendente o lavoro autonomo?

Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.

 

Gli ispettori dell’INPS sono soliti negare ed annullare in fase accertativa le varie posizioni adducendo che un soggetto non può essere iscritto a due fondi pensione per la medesima attività svolta.
Sul punto l’art.lo 1, comma 208 , della legge 662/96 prevede sotto il profilo contributivo una incompatibilità di “varie attività autonome” esercitate nelle medesima impresa e che in tale caso si deve andare a vedere quella che viene svolta personalmente con prevalenza.
Tale norma si riferisce solo ad una pluralità di attività autonome ("varie attività autonome" appunto) e non ad attività delle quali una (quella subordinata) non è autonoma.

La sottile linea di confine tra lavoro dipendente e autonomo

In teoria il duplice inquadramento lavoro dipendente e lavoro autonomo appare possibile.
Tuttavia è sconsigliabile andarsi a cercare posizioni di potenziale conflitto interpretativo.
In caso di accertamento contributivo esiste infatti la possibilità che contributi già versati vengano annullati e che ne venga richiesto un nuovo tipo con aggravio di sanzioni.
Questo è il principale motivo per cui il momento della scelta dell’inquadramento rimane in assoluto il più delicato attesi i lunghi e vari termini in cui l’Istituto può andare a retroagire in termini di annullamento dei contributi.

La giurisprudenza aiuta a comprendere se sia o meno possibile un inquadramento o l'altro, tuttavia esprimersi senza tenere conto del fatto che in caso di accertamento quello che conta è cosa l'interessato sottoscrive, spesso inconsapevolmente e senza farsi assistere da un professionista esperto, agli ispettori (che ben sanno dove vogliono arrivare).

La frase più frequente che si legge nelle dichiarazioni è la seguente:

Il sottoscritto dichiara di svolgere, in qualità di socio, attività nell'impresa ... in modo abituale e prevalente.

Una volta sottoscritta questa dichiarazione o compilato in tal senso il quadro RR della denuncia dei redditi l'inquadramento come dipendente salta ed anche la relativa contribuzione che potrà certamente essere chiesta indietro, tuttavia l'INPS tenderà a favorire la compensazione con i contributi da versare come IVS commercianti sostenendo che quando compensato viene fatto al valore nominale mentre la nuova pretesa assume valenza di evasione contributiva e in quanto tale, ai sensi della legge 388/2000 deve essere maggiorata della sanzione civile al 60%.

Il nostro suggerimento è di evitare di interagire con il personale ispettivo senza farsi assistere costantemente da un professionista esperto che non abbia interessi divergenti dal contribuente nelle posizioni sulle quali fornisce assistenza.

accertamento ispettivo
Dopo aver premuto il bottone, aspetta qualche secondo per la generazione del vocale.
Cerchi assistenza?
Le tappe della consulenza:
  1. Incontro conoscitivo gratuito in cui ascolteremo le tue necessità e il tuo caso.
  2. Analisi e 2° incontro: riceverai una precisa consulenza legale sulla base di preventivo, a partire di €900.




    Il tuo messaggio

    Autorizzo trattamento dei dati per finalità di consultazione e corrispondenza come da informativa qui riportata.

    web design fromlu
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram